22 dicembre 2008

RENATO CORSETTI, nuna PREZIDANTO FEI, sendis al ni ĉi tion apelacion:

..............................................................................................................................................
RENATO CORSETTI, attuale PRESIDENTE FEI, ci ha inviato questo appello:
..............................................................................................................................................

Multaj ... nuntempe lanĉas inviton voĉdoni por proponi la instruadon de Esperanto en la usonaj lernejoj. Mi kuniĝis iujn mesaĝojn, kiuj indikas ankaŭ praktikajn instrukciojn.

Voĉdonu kaj faru voĉdoni (oni diris jam)!

Renato
__________

Karaj geamikaj, estas freŝdata usona blogo en la interreto kiu deziras submeti al juĝo de la elektita Prezidanto Obama novajn ideojn por la ŝanĝiĝo de la usona komunumo.

Unu el ili estas l'adopto de Esperanto en la usonaj lernejoj. Ĝin estas apogita far multegaj usonanoj kaj eksterlandanoj.
Oni skribas angle sed ankaŭ esperante. La malmultaj kiuj obĵetas kontraŭ la Esperanto tuj recevas multajn klarigojn kaj dokumentadojn pri siaj valideco kaj advantaĝoj, ankaŭ per dokumentoj de famaj esperantistoj kiel
Claude Piron .

La ideo devas esti almenaŭ la tria en la rangovico en la grupo Education - Instruado por esti prezentita la venontan 20an de januaro al Obama .
Kompreneble se Esperanto estus adoptita far la Usono, en la usonaj lernejoj havus bonefikaj konsekvencoj por la esperantista movado en la tuta mondo .
Do tuj necesas ankaŭ la viaj voĉoj. Kunligu vin al retejo:
http://www.change.org/ideas/view/introduce_esperanto_as_a_foreign_language_subject_in_schools
legu la diversajn mesaĝojn kaj aliĝu vin al tiu retejo por havi la eblecon de sendi viajn mesaĝojn kaj voĉojn.

La 95% (de mesaĝoj) estas favoraj al Esperanto.
Mi opinias ke tiu ĉi estas bonega ŝanco por la esperantista movado.
Jen sube la mesaĝo kiun la administrantoj sendis al mi hodiaŭ:
"Elkore salutas vin"

Dante Chierico (Kiériko)


Molti ... lanciano in questi giorni l'invito a votare per proporre che nelle scuole americane si insegni l'Esperanto. Io ho messo insieme alcuni messaggi, che danno anche instruzioni pratiche.

Votate e fate votare (si diceva una volta)!

Renato
__________

Cari amici, c'e' un recentissimo blog americano in internet che desidera sottoporre al Presidente eletto Obama nuove idee per il cambiamento della societa' americana.

Una e' l'adozione dell'Esperanto nelle scuole americane. Essa viene sostenuta da moltissimi americani e anche da stranieri.
Viene scritto generalmente in inglese ma anche in Esperanto.
Quei pochi che fanno obiezioni contro l'Esperanto ricevono subito ampie spiegazioni e documentazioni sulla sua validita' e vantaggi, anche mediante documenti di famosi esperantisti come
Claude Piron .

L'idea deve essere almeno la terza in graduatoria nel gruppo Education-Istruzione per essere presentata ad Obama il 20 gennaio.

Naturalmente se l'Esperanto venisse adottato dagli USA nelle scuole americane avrebbe benefiche conseguenze nel mondo intero per il movimento esperantista.
Occorrono quindi subito anche i vostri voti. Collegatevi al sito:
http://www.change.org/ideas/view/introduce_esperanto_as_a_foreign_language_subject_in_schools
leggete i vari messaggi ed iscrivetevi allo stesso per aver la possibilita' di inserire i vostri messaggi e voti.

Il 95% sono favorevoli all'Esperanto.
Ritengo sia un'ottima occasione per il movimento esperantista.
Ecco qui sotto il messaggio che gli amministratori mi hanno mandato oggi.
"Elkore salutas vin"

Dante Chierico


......................................................................................................................................................

7 commenti:

Tereza ha detto...

ma se io ne approfitto per farti gli auguri tu mi perdoni?
ciao, bellezza d'uomo

cristiana ha detto...

Ho fatto l'iscrizione alla Change.org e aspetto la loro conferma.Penso che dopo potro votare.
Ogni tuo desiderio è un ordine,mio caro.
Comincio a farti gli auguri per un migliore 2009,che tu ottenga tutto ciò a cui tieni,dall'esperanto lingua universale alla sparizione del nostro governante,oltre alla salute per te e tutti i tuoi cari.
Cristiana

luciano ha detto...

Anch'io vado a votare. Chissà che Obama non ti faccia ambasciatore in Italia per l'esperanto.

Pandoro ha detto...

Mica per niente... Ma poi succede che tutto il mondo cambia lingua e diventa tutto esperanto! Così l'inglese che si studia oggi andrà perso? Sigh!

Però da un'altro lato, se venisse accettata, sarebbe un grande passo avanti.

Irnerio ha detto...

"Così l'inglese che si studia oggi andrà perso?"

Chiede Pandoro.

Risposta: noooooooooooooooooo!
Anzi tutte le lingue verrebbero salvaguardate in perfetta parità "linguistica", appunto. Cosa che oggi non esiste proprio, ed è in atto una spietata "glottofagia" dell'inglese su tutte le altre.

Il primo scopo dell'Esperanto è la comprensione linguistica tra tutti i popoli e il conseguente miglioramento (si spera) dei rapporti internazionali in un clima egalitario per tutti.

Secondo scopo: LA TUTELA E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO LINGUISTICO DI CIASCUN POPOLO E DI OGNI CULTURA.

L'Esperanto può e deve solo svolgere un'utilissima funzione di "servizio" super partes. Non ha suoi propri patrimoni culturali da rappresentare e difendere, e infatti si prefigge di preservare quelli esistenti, NON DI DISTRUGGERLI.

E non fatemi ripetere ogni volta le stesse cose,
VI PREGOOO!

Se l'Esperanto, una volta diffusosi nel mondo, contribuisse a far scomparire anche soltanto una lingua tra le tantissime esistenti (cosa che se si continua a fraintendere i suoi scopi potrebbe accadere), avrebbe fallito uno dei suoi obbiettivi fondamentali ed ogni esperantista degno di questo nome, non ne sarebbe certo fiero.

FELIĈAN NOVA JARON AL ĈIUJ!
BUON ANNO A TUTTI!

(Se ancora non è chiaro, vedi qui:
http://www.esperanto.it/html/praga-manifesto.htm )

Scipione ha detto...

L'Esperanto!
Devo prima decidermi a cominciare ad impararlo.
Che non sarebbe, poi, una cattiva idea.
Un saluto

Pandoro ha detto...

Arrivo in ritardo per rispondere, ma adesso ho una chiara risposta.

In questo caso sono d'accordo, allora.

Ma mi chiedi ancora, se mandarlo nelle scuole, dico in generale, sia una cosa non giusta perchè giusta da quel che mi hai detto chiaramente, e mi è piaciuto, lo è, ma se piacerebbe a studenti, se alla fine porti qualcosa di buono.

Sperando di non essere invadente, Pandors.