20 giugno 2008

KUN MIA (DIALEKTA) POEZIO MI EKPLEZURIĜIS, SED ESTAS NUR DILETANTECA VANTEMO.

.................................................................................................................................................
CON LA MIA POESIA (DIALETTALE) CI HO PRESO GUSTO, MA E’ SOLO VANITA’ DILETTANTISTICA.
.................................................................................................................................................

T’ARCORDI MA’!
(Mia madre racconta -1)

‘L PROCIUTTO

Ntel mezzo del cami’ de la cucina
c’era ‘ttaccato sune ‘n bel prociutto
nascosto ‘ntra la fuliggina più fina.

Era ‘l tempo de guerra e io dovìo
nasconne drento e fora ‘n po’ de tutto
pe’ cerca’ da salva’ quel che podìo.

C’era i tedeschi che ‘rrivaa ‘gni giorno;
‘na volta uno parìa ch’era in affitto,
gne la facemma a levaccelo da torno,

giraa per casa e non troaa logo.
Mò, ‘na sera che nevigaa fitto,
quello ‘nsistea che volìa ‘ccende ‘l fogo!

Ma nooo, ‘n c’emo la legna, è tutta molla,
‘n se pole accende adesso, tanto n’arde”,
ma quello gnente, col mitra a la tracolla

ha preso ‘na fascina sott’al forno,
Madooonna che ffiarada! Dio ce guarde!
Par d’arvedemme, me girao ‘ntorno,

c'avìo 'na fifa matta che ‘l prociutto
venesse giù ‘ntel mezzo de la rrola:
cucì quesso me spara ‘l farabutto”.

E ‘ntanto se sentea frigge la cappa,
ppue, ppadapum! Ha crollado tutto;
me so messa a strilla’: “sgappamo, sgappa!

‘l fogo s’è spento e ntra la fumareccia
ho visto quel soldado a curre via,
saltaa le scale che parea ‘na freccia.


Oh semo salvi! Rengraziando a Cristo.
Ma la paura, maaammoletti miaaa!
Da quel dì quel tedesco ‘n s’è più visto.

Irnerio G. - 1981

TI RICORDI MAMMA!
(Mia madre racconta – 1)

IL PROSCIUTTO

Nel mezzo del camino della cucina
c’era attacato su un bel prosciutto
nascosto fra la fuliggine più fine.

Era il tempo di guerra e io dovevo
nascondere dentro e fuori un po’ di tutto
per cercare di salvare quello che potevo.

C’erano i tedeschi che arrivavano ogni giorno;
Una volta uno pareva che stava in affitto,
non ce la facevamo a levarcelo di torno,

girava per casa e non trovava luogo.
Allora, una sera che nevicava intensamente,
quello insisteva che voleva accendere il fuoco!

Ma noo, non abbiamo la legna, è tutta bagnata,
non si può accendere il fuoco, tanto non arderebbe”,
ma quello niente, con il mitra a tracolla

ha preso una fascina sotto il forno,
Madooonna che fiammata! Dio ci guardi!
Mi pare di rivedermi, mi giravo intorno,

avevo una fifa matta che il prosciutto
venisse giù nel mezzo della “rola”
(*)
così questo mi spara il farabutto”.

E intanto si sentiva friggere la cappa,
poi, patapumm! E’ crollato tutto;
Mi sono messa a strillare: “scappiamo, scappa!

Il fuoco si è spento e tra la gran fumata
ho visto quel sodato correre via,
saltava le scale che sembrava una freccia.

Oh siamo salvi! Ringraziando Cristo.
Ma la paura, mooonelletti mieiii!
Da quel giorno quel tedesco non si è più visto.

(*) La rola è il davanti del piano del focolare dove si può cuocere.

STA TELEVISO’!

Te hai voja a di’ che la talevisone
nunn’è stada ‘na gran bella ‘nvenzione;
voi sape’ qunt’è commida perdèro?
Ammò tel digo, e ppu di’ che nn’è vero!

Presempio: s’i monelli ‘n te sta boni,
te ce li piazzi davante ntel sofà
e pe’ mpezzo ‘n te rompe più i minchioni
ma manco si gne dae più da magnà!

Se a mojeda la notte je pia ‘l matto
e no’ gne sa mae ora da pià sonno,
métteje la tivvu dapiede al letto
e s’andormenta prima del por nonno.

Se nonneda sta a piagne tutto ‘l giorno
Perché dice che ‘n c’ha la compagnia,
co' la talevisione del soggiorno
vedrae commo te libberi de lia!

Te me dirae: “Va beh! Ma se me sfizia
da senti’ puro a mme qualche nodizia?

Ma ‘sto probblema l’arrisolvi uguale
perché poe sempre gi’ a compra’ ‘l giornale!

Irnerio G. - 1993

QUESTA TELEVISIONE!

Tu hai voglia dire che la televisione
Non è stata una gran bella invenzione;
vuoi sapere quanto è comoda per davvero?
Ora te lo dico, e poi tu di’ che non è vero!

Per esempio se i bambini non fanno i buoni,
tu ce li metti davanti nel divano
e per un bel po’ non ti rompono più le scatole
neanche se non gli dai più da mangiare.

Se a tua moglie alla notte gli prendono le voglie
e non le sembra mai ora di prendere sonno,
mettile la tivvu in fondo al letto
e s’addormenterà prima del povero nonno.

Se tua nonna piange per tutto il giorno
perché dice che non ha la compagnia,
con la televisione del soggiorno
vedrai come ti liberi di lei!

Tu mi dirai: “Va bene, ma se mi va
di sentire pure a me qualche notizia?
Ma questo problema lo risolvi ugualmente
perché puoi sempre andare a comprare il giornale!

AAAGGIUSTINOOO!

(Che se strilla forte come quanno c’era quello che strillaa: “aaarrotinooo!”)

Chi ccasa mia funziona sempre tutto,
ma nno perché niciuno rroppe gnente,
se è pper quello ce ne sta de gente
ch’a sfascià je dà giù de brutto!

Ma perché l’accommèda l’aggiustino
che, se sarà capido, è ‘l sottoscritto;
hai voja te a dije: “m’ede rotto!”
Tocca a fallo sennò sarìa ‘n casino.

Allora io, co’ ngran dizinvoltura,
passo dai sciacquaroli a li compiuder,
da le maghine ai scarighi dei vader,
dai libbri ai secchi de la spazzatura.

‘N giorno chiappo ‘n’arloggio de la Suoce
ch’era più de ‘n’anno che non gìa,
siccome voleo capi’ quel che c’avìa,
te l’ho spaccado ‘n due como ‘na noce.

Gira e rivolta, sarà ‘n caso raro,
ma l’arloggio caminaa più de prima;
po’ l’ho rittaccato co’ la colla fina
che parea novo! Anzi l’arloggiaro…!

Quessi de casa come li strapazzo
quanno spacca qualco’, “perché”, je digo:
l’ede visto no? Se chiami ‘l tecnigo,
dobo du ore nonn’arfunziona ‘n cazzo!

Irnerio G. - 1998

AAAGGIUSTINOOO!

(Che si strilla forte come quando c’era quello che strillava: “aaarrotinooo!”)

Qui a casa mia funziona sempre tutto,
ma non perché nessuno rompe niente,
se è per quello ce n’è di gente
che a spaccare gli dà giù di brutto!

Ma perché ripara tutto l’aggiustino
che, si sarà capito, è il sottoscritto
hai voglia tu a drgli: “
mi avete stancato
!”
Bisogna farlo se no sarebbe un disastro.

Allora io, con gran disinvoltura,
passo dai lavelli ai computer,
dalle macchine agli scarichi dei water,
dai libri ai secchi della spazzatura.

Un giorno prendo un orologio della Swatch
che era da più di un anno che non andava,
siccome volevo capire cosa c’aveva,
l’ho spaccto in due come una noce.

Gira e rigira, sarà un caso raro,
ma l’orologio andava più di prima;
poi l’ho riattaccato con la colla fina
che sembrava nuovo! Anzi l’orologiaio…!

Questi di casa come li strapazzo
quando rompono qualcosa, “
perché”, gli dico:
l’avete visto no? Se chiami il tecnico
dopo due ore non rifunziona più niente!

..............................................................................................................................................................

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Quando finirai di sorprendermi?
Uno spasso!
Attento al mio blog (se vuoi)oggi ti arriva un premio.

Cristiana che ti augura una bella giornata!

Anonimo ha detto...

Da me c'è un premio per te.
Cristiana

Anonimo ha detto...

Per la serie"quando finirai di sorprendermi?"
Sei unico e pure modesto!

Cristiana

Anonimo ha detto...

Mi piacciono assai.
Un saluto da Luciano e Idefix (che vanno a nanna)
http://lucianoidefix.typepad.com/

Fortikaĵulo (alias Irnerio) ha detto...

Beh, rispondendo a Cristiana, devo dire che non è vero che il suo è l'unico premio della mia vita. In realtà ne ho presi fin dai tempi della scuola, ma erano premi collettivi o di gruppo.
Anche nel mio lavoro ho preso diversi premi, ma sempra come coordinatore di attività di gruppo.
L'ho voluto precisare perché altrimenti qualcuno mi giudicherbbe un alieno, specie in Paese come il nostro dove un "premio" non si nega nemmeno a un "Ahmetovic": l'autore della strage di Appignano (AP).

Paola dei gatti ha detto...

ricordi il mio amato trilussa
ho prelevato la foto del camino perchè penso possa servirmi per il prossimo fotoromanzo italo- francese

Fortikaĵulo (alias Irnerio) ha detto...

Bene facisti! Paola, io dal canto mio l'avevo prelevata da non ricordo più dove.
(Sempre sperando che qualcuno prima o poi non si arrabbi)

Pandoro ha detto...

Ahah bella quella della televisione "Presempio: s’i monelli ‘n te sta boni,
te ce li piazzi davante ntel sofà
e pe’ mpezzo ‘n te rompe più i minchioni
ma manco si gne dae più da magnà!"

Ahah

Anonimo ha detto...

Finazio è Finazio! Ancora una volta ci troviamo d'accordo.

Cristiana